LA MEMORIA DELLE EMOZIONI

LA MEMORIA DELLE EMOZIONI

LA MEMORIA DELLE EMOZIONI

 

Sdraiato sull’amaca mi dondolavo, con la brezza pomeridiana sulla faccia, all’ombra di un sole cocente con in mano un libro di alchimia esoterica. Il nostro gatto Red mi salta sulla pancia, si accoccola guardandomi di sottecchi e comincia a fare le fusa. “ciao micione, tu che sei sempre così “ronronoso”, cosa hai da dirmi sulle emozioni, anzi sulle emozioni negative?”, nessuna risposta, solo silenzio, niente più fusa e le vibrisse spostate in avanti. La sensibilità del gatto e la sua reazione alle mie domande hanno prodotto in me una serie di pensieri che, aleggiando come confronto silenzioso tra me e Red, mi hanno riportato alla mente  l’impatto che certe emozioni hanno sul nostro organismo ed in special modo sull’equilibrio di quegli organi e sistemi che ci permettono una vita sana.

L’esperienza maturata in questi anni mi ha convinto che la maggior parte dei disagi e delle malattie hanno origine da un impatto da traumi , sia fisici che emotivi, psicologici, psichici, comunque da traumi, la memoria dei quali, come emozione, si instaura in determinate parti od organi del corpo: per i traumi fisici nel punto di impatto, per i traumi emotivi in certi organi specifici (fegato, intestini, reni, etc.)(vedi tabella sotto), per gli altri in particolari neuroni.

 

 

 

EMOZIONI NEGATIVE CHE IMPATTANO SU …

ORGANO

spavento , senso di colpa, rimorso e la tendenza ad arrendersi, sforzo, fatica, freddezza, noia, apatia, ingratitudine

CUORE

ansia , tristezza, solitudine, vedere negato il proprio spazio fisico e vitale, dolore, dolore emotivo e cronico, lutto

POLMONI

ansia e tensione

GOLA

rabbia, ira, rancore, irritabilità, frustrazione, risentimento, gelosia e invidia

FEGATO & CISTIFELLEA

rabbia, ira, odio, frustrazione, passività, preoccupazione, ansia, tensioni e stress, rifiuto, impotenza, rinuncia

STOMACO

disturbi psicosomatici, emozioni malinconiche, avarizia, grettezza, controllo, attaccamento

INTESTINO

terrore, paura, shock e spavento estremi, diffidenza, rigidità

RENI

ansia, chiusura, preoccupazione, rimuginazione, pessimismo

MILZA

freddezza, distacco, rinuncia, sfiducia

PANCREAS

tristezza

PELLE

tristezza

COLON

paura

VESCICA

 

Queste memorie creano un blocco energetico nel punto dove si instaurano, e di conseguenza si ripercuotono sui campi morfici  del corpo fisico/eterico modificando le informazioni di questi campi. Queste informazioni modificate interagiscono con la parte fisica, per la quale sono deputate, inviando informazioni errate che portano disequilibrio alla parte fisica stessa e che, a lungo andare si trasforma in sintomo e poi in patologia.

Penso che la radioestesia potrebbe essere l’interfaccia della nostra realtà (terza dimensione) con dimensioni più elevate di realtà e coscienza, e per questo essere utilizzata per migliorare la nostra vita fisica.

Ma ora vediamo quale è il concetto dell’operazione radioestesica che, ho maturato in anni di ricerca, studio e pratica.

Il corpo eterico  (delle persone, degli animali e delle piante) fornisce energia, stabilizza e provvede alla crescita e alla riparazione delle cellule ad un livello primario. Le distorsioni o modifiche nei campi energetici informati del corpo eterico si estrinsecano nel corpo fisico come disagio e malattia.

I campi energetici informati pre-fisico sono costituiti di energia informata e dunque di frequenze.

Ogni atomo ha una sua frequenza, ogni cellula ha la sua frequenza, ogni organo è fatto di cellule ed ha la sua frequenza, e così via.

L’universo è in equilibrio ed anche noi nella terza dimensione dovremmo essere in equilibrio. Se fosse così saremmo in perfetta salute, felicità e benessere; ma invece nella terza dimensione regna il caos per tutte le famiglie, umana, animale e vegetale: completo disequilibrio!

La radioestesia è una pratica  che, serve a portare equilibrio dove manca.

Ripetiamo il concetto e facciamo un esempio: un trauma, una ferita, un blocco energetico, sia in campo vegetale, che animale che umano, porta automaticamente un disequilibrio, che si manifesta in una modifica della frequenza nel campo energetico informato , che sovrintende la parte ferita, creando un disequilibrio che si ripercuote poi nel campo fisico della parte colpita.

L’operatore sia radioestesico che radionico può intervenire per riportare in equilibrio le frequenze modificate nel campo energetico informato attraverso un testimone, che può essere sia biologico che artificiale.

Tornando all’essere vivente possiamo dire che ogni cellula, ogni organo, è permeato da un suo particolare campo energetico informato che contiene tutte le informazioni necessarie per il suo funzionamento e riproduzione.

All’inizio della vita tutto è in equilibrio pronto per funzionare in maniera perfetta, poi, come già detto, le vicissitudini della vita, traumi, incidenti, tutte le tipologie di educazione, etc., portano squilibrio negli organi e sistemi, squilibri che, vengono riportati nei campi energetici informati modificando le loro informazioni. La matrice del campo cerca di correggere le informazioni e frequenze errate (vedi la ricrescita della coda della lucertola quando il tuo gatto gliela mangia, e altre situazioni analoghe), ma a volte le situazioni contingenti, compresi blocchi energetici e traumi impediscono queste correzioni e, da qui prima il disequilibrio, poi il malessere e la malattia.

La materia in senso lato è semplicemente un modello organizzato di frequenze (campi energetici informati).

La radioestesia e la radionica possono misurare e copiare i campi energetici informati e possono, in casi particolari, correggerne le informazioni: possiamo ad esempio considerare l’effetto diapason, o ancora meglio la omeopatia: quando si prendono medicinali omeopatici si immette nel corpo la giusta frequenza per il ristabilimento dei parametri di perfetto equilibrio per l’organo interessato, che per effetto di simpatia (effetto diapason) tende a riportare l’organo in equilibrio. A questo punto entra in gioco il campo dell’organismo, non più bloccato dagli squilibri, che ricostituisce la salute.

In maniera semplificata possiamo dire che usando la radiestesia possiamo trovare la frequenza che è stata modificata dal trauma e inviare all’organo la giusta frequenza per riportarlo in equilibrio. C’è da dire che la giusta frequenza inviata potrà funzionare egregiamente solo se viene eliminata la memoria del trauma che ha creato il disequilibrio, e questo può essere attuato anche con la radioestesia.  A questo punto subentra la naturale energia di guarigione del corpo stesso che dovrebbe riaggiustare le cose, sempre che l’equilibrio raggiunto possa rimanere.

Con le frequenze dinamizzate, si va a lavorare direttamente sui campi energetici informati, in campo eterico e vi sono frequenze apposite per eliminare i blocchi energetici e quelle per ristabilire l’equilibrio del campo, che indubbiamente sarà riportato all’organo nei tempi previsti che, si aggirano circa in una lunazione.

Se torniamo ancora indietro possiamo puntualizzare che qualsiasi modifica del campo energetico informato è dovuta quasi esclusivamente ad un trauma, o alla memoria di un trauma, che può essere stato attivato da una emozione, sia conscia od inconscia, personale od anche dovuta ad altre persone, questo è il caso del feto che memorizza una emozione della madre, e probabilmente anche del padre o di chi può avere una forte influenza sulla madre stessa.

+3
Ti è piaciuto questo articolo? 

CHI SONO

Roberto Kechler

Roberto Kechler è un ricercatore, si occupa, da appassionato della materia di Radioestesia e Radionica da decenni. Con l’aiuto della Fisica quantistica il suo percorso di strade inesplorate in tali materie lo hanno portato a produrre delle frequenze dinamizzate per attuare l’equilibrio dell’organismo (umano, animale e vegetale) agendo sui campi energetici informati degli stessi.

CATEGORIE

SE TI FA PIACERE CONTATTAMI

Vuoi essere aggiornato?

CONSIDERAZIONI

CONSIDERAZIONI

CONSIDERAZIONI – (Queste sono considerazioni per il libro che sto scrivendo)

L’essere umano è una macchina elettromagnetica  perfetta e fatta per durare a lungo, molto a lungo: siamo noi che con le nostre abitudini, modi di vita e alimentazione errata ci riempiamo di malanni e ci accorciamo la vita!

Il corpo umano, come qualsiasi altra macchina che vive con l’energia, funziona perfettamente se alimentato nella giusta maniera e correttamente sia in campo alimentare che in campo energetico

Qualsisi trauma, fisico, psichico, emotivo, psicologico  od abitudini alimentari e di vita non consoni (alcool, droghe, etc.)  si ripercuote sul corpo fisico, memorizzandosi in qualche organo o nella controparte di qualche organo nel campo prefisico (campi morfici), creando un malfunzionamento energetico che, si ripercuote nel corpo fisico stesso creando nel tempo una patologia.

C’è da dire anche che la vita attuale, così frenetica, chiassosa, anche violenta, la mancanza di rispetto per gli altri, il volersi “sballare” a tutti i costi, l’assemblarsi ed accalcarsi in luoghi non idonei, il vivere in simbiosi col cellulare e musica a tutto volume direttamente nelle orecchie, senza tralasciare l’odio, l’astio, l’aggressività e tutta la serie di sentimenti non edificanti, e così via, comporta un drastico abbassamento dell’energia vitale, ragione per la quale la persona e, soprattutto, il corpo fisico ne risente gravemente attivando malesseri e dolori in varie parti. Quando queste energie congeste si annidano nei o colpiscono i corpi sottili o i campi eterici, vengono volgarmente chiamati come categorie o campi dell’occulto. In queste categorie troviamo la cosiddetta spazzatura eterica, che sarebbe dovuta all’abbassamento energetico o bassa energia che acquisiamo durante la giornata (mezzi pubblici, supermercati, luoghi affollati, bar, pub, discoteche, etc.), poi le infezioni astrali o larve astrali, i parassiti energetici, ed infine tutto quello creato dall’essere umano volutamente per fare del male agli altri.

Sono convinto che in natura ed anche nell’universo creato non esista la negatività , questa è stata creata dall’essere umano: gli animali anche uccidono, ma non per cattiveria, solo per necessità; è l’essere umano che opera per il piacere o il gusto di fare del male, o ancora peggio per il vile denaro, queste azioni nefaste in certi casi possono portare anche gravissime conseguenze.

In più non dobbiamo dimenticare le energie telluriche negative , le griglie magnetiche con i nodi di Hartman  e Curry , situazioni che possono portare grossi scompensi energetici che anche qui possono influenzare molto negativamente i nostri sistemi.

Poi dobbiamo ricordare anche la proliferazione delle invenzioni umane degli ultimi due secoli che, squilibrando l’ambiente dove viviamo, comportano modifiche dei flussi energetici del nostro corpo alterando, qualche volta in maniera molto seria, la nostra energia e di conseguenza il nostro metabolismo: parliamo dell’elettricità, soprattutto le linee ad alta tensione, degli elettrodomestici, delle microonde, dei mezzi di trasporto, dei computers, dei cellulari e comunque di tutto quello che funziona attraverso o con l’elettricità, la quale crea dei campi elettromagnetici che vengono ad interferire col campo elettromagnetico umano: facciamo un esempio comune, l’automobile. Quando entrate dentro la vostra auto e la mettete in moto, tutta la parte elettrica ed elettronica attivata crea immediatamente un campo elettromagnetico che coinvolge tutta la vettura, compresi voi che sedete dentro. Il campo artificiale che avete attivato girando la chiave di accensione, invade ed influisce sul vostro, creando degli scompensi energetici che potremmo valutare in un 20% e che, spariscono appena spegnete il motore e disattivate la parte elettrica. Questo succede anche con tutti i normali elettrodomestici e con alcune apparecchiature utilizzate nell’era moderna: tutto ciò che utilizza elettricità per il suo funzionamento crea dei campi elettromagnetici che interferiscono col campo umano e non solo, gli apparecchi che utilizzano frequenze molto alte possono essere anche alquanto dannosi.

L’organismo umano, come è stato detto, è una macchina meravigliosa, con risorse che ancora non siamo riusciti a conoscere tutte, che riesce a recuperare in fretta ed a rimettersi in careggiata, ma a lungo andare l’energia ed i campi energetici informati cominciano a modificarsi e da qui, i primi malesseri che, se non risolti potrebbero portare, nel tempo, a patologie più o meno gravi.

Sempre riguardo all’energia del corpo umano dobbiamo fare alcune considerazioni sul cibo, dal quale ricaviamo parte dell’energia che ci serve per la vita. Noi, come corpo, ricaviamo l’energia che ci serve in varie maniere ma quella che ci interessa in questo periodo storico è il cibo. Viviamo sulla Terra che è un essere vivente ed ha una sua energia. Tutto quello che vive sulla Terra dovrebbe avere la stessa energia, per cui noi, vivendo sulla Terra, dovremmo nutrirci con alimenti della stessa energia che è, anche la nostra. Tutto quello che sono alimenti vegetali freschi (frutta e verdura) dopo raccolti mantengono energia per alcuni giorni, poi cominciano a perderla fino ad azzerarla, mentre per carne e pesce oltre al deterioramento troviamo energie basse dovute a paura, terrore della morte, dolore etc.. Quando noi ci nutriamo di queste sostanze con energia bassa anche la nostra energia si abbassa e l’organismo deve faticare per riportarsi in equilibrio, un aiuto ci può venire dalla radioestesia  che verrà sviluppata in questo testo in maniera schematica.

Intanto potremmo fare una premessa generale e cioè, chi guarisce è il corpo stesso e che tutti i sistemi di cura, sia tradizionali che alternativi, operano, curano, sistemano, sostituiscono ma non possono guarire, solo aiutano ad eliminare quando dannoso per il corpo, a mettere e tenere in equilibrio l’organismo che in questa maniera è libero di auto guarirsi.

La radioestesia lavora sui campi energetici informati pre fisico (campi morfici ) cercando di riportare in equilibrio le informazioni o frequenze che sono state disequilibrate da traumi, attacchi esterni, o qualsiasi altra cosa e che, di conseguenza, creano problemi al corpo fisico.

Andando a mettere in ordine, nei campi morfici, le informazioni alterate, si ripristinano le giuste informazioni per il corretto funzionamento del corpo fisico.

È importante sapere e rendersi conto che con la radioestesia si va a modificare, correggendole, le informazioni energetiche che servono al DNA  per costruire e mantenere in efficienza il corpo fisico e, non si interferisce minimamente sul lavoro dei medici e della medicina ufficiale che lavorano esclusivamente sul corpo fisico; anzi la radioestesia potrebbe essere un aiuto concreto per la medicina ufficiale per il ristabilimento della salute dei pazienti.

+3
Ti è piaciuto questo articolo?

CHI SONO

Roberto Kechler

Roberto Kechler è un ricercatore, si occupa, da appassionato della materia di Radioestesia e Radionica da decenni. Con l’aiuto della Fisica quantistica il suo percorso di strade inesplorate in tali materie lo hanno portato a produrre delle frequenze dinamizzate per attuare l’equilibrio dell’organismo (umano, animale e vegetale) agendo sui campi energetici informati degli stessi.

CATEGORIE

SE TI FA PIACERE CONTATTAMI

Vuoi essere aggiornato?

L’INVOLUZIONE DELLO SPIRITO – L’ANATOMIA ESOTERICA

L’INVOLUZIONE DELLO SPIRITO – L’ANATOMIA ESOTERICA

L’INVOLUZIONE DELLO SPIRITO – L’ANATOMIA ESOTERICA

Una leggiadra farfalla saltella nell’aria posandosi ora su un fiore ora sull’altro e mentre l’ammiro per le sue fattezze e colori mi viene in mente il bruco che era prima, e la fantasia mi porta lontano quasi fossi anch’io un essere così leggero. La mente vaga e gli interrogativi sulla vita si presentano ineluttabilmente, sempre presenti nel lavoro di radioestesista: la costituzione dell’essere umano e specialmente la sua parte energetica sono molto importanti in questo campo che si basa essenzialmente su questo.

Mi viene in mente uno spezzone di telefonata ricevuta da poco  …. ” Se ci pensi veramente noi siamo degli strani animali, strani nel senso che siamo differenti dagli altri animali che conosciamo: in primis siamo cattivi, a differenza degli altri animali facciamo del male per il gusto di farlo, cerchiamo sempre di soverchiare l’altro, ci inebriamo del potere e abbiamo inventato i soldi per esercitarlo, stiamo rovinando il pianeta che ci ospita solo per il nostro sconfinato potere, …..”

Non mi dilungo oltre sulla telefonata dell’amico Adriano ma le sue parole, altamente condivisibili, mi solleticano a esprimere il mio pensiero su questo argomento e mi fanno venire in mente come siamo fatti fisicamente e come siamo costruiti a partire da quella parte sottile che non tutti conoscono ma di cui siamo fatti.

L’uomo dal punto di vista fisico può essere considerato come un conglomerato di sistemi e di organi, ma dal punto di vista energetico possiamo considerarlo come una serie di sistemi energetici ad alta frequenza, o campi energetici informati, che lo integrano nello schema universale delle cose. Questi sistemi hanno un’anatomia e una fisiologia proprie, che in ultima analisi determinano l’aspetto e l’attività della forma fisica.

L’uomo ha un’anatomia sottile che lo mette in relazione con le forze nel suo ambiente immediato, e con quelle dell’universo in generale e la radiestesia e la radionica  per loro stessa natura sono correlate alle leggi e ai principi che governano i livelli eterici, emotivi e mentali dell’esistenza, e all’attualità delle forze formative eteriche che permeano tutto lo spazio e ogni forma che vi vive, sia esso un essere umano o un pianeta.

Gia nell’antichità l’uomo pensava che il corpo fisico fosse semplicemente l’esternazione di veicoli di manifestazione più sottili.

Generalmente noi accettiamo che l’uomo abbia una anatomia sottile ma normalmente abbiamo difficoltà a pensarla come vediamo un corpo fisico, e cioé come organi, funzioni, ecc.

In realtà l’idea generica dei campi eterici  con le loro forze e le informazioni che contengono, deve far posto con la conoscenza di strutture che hanno una precisa relazione con l’anatomia visibile e i suoi processi fisiologici.

Attingendo alle conoscenze antiche e all’ampio materiale della letteratura esoterica disponibile e rifacendoci anche alle nuove teorie scaturite dalle attuali scoperte scientifiche, non ultima la fisica quantistica, possiamo sviscerare quello che attualmente in campo radiestesico viene considerata l’anatomia sottile.

Lo Spirito nella sua discesa verso l’incarnazione nella terza dimensione, o possiamo dire per creare il suo essere, passa da diversi piani dove si riveste dei vari corpi. Questi piani che sono sette, ognuno dei quali è suddiviso in sette sottopiani, definiscono la settuplice natura dell’uomo e dei piani della materia su cui si trovano i vari aspetti della sua essenza. Questi vari piani e corpi, essendo di natura sottile, sono autocomprenetrantesi, per questo possiamo dire che l’uomo come lo vediamo è composto da sette corpi che si trovano in sette piani di esistenza contemporaneamente.

Parto dal piano più basso, che è quello che maggiormente ci interessa, e  che è il piano fisico, e salgo poi ai piani più sottili ai quali accenno brevemente.

Nel piano fisico, che è l’unico piano nel quale si impara ad evolvere, l’uomo si manifesta come una triplicità di corpo, anima e spirito : il corpo fisico è composto dal fisico propriamente detto e dal corpo eterico che è il modello , o l’archetipo su cui è costruita la forma fisica densa che nel corso della crescita e permette all’anima di esprimersi sul piano fisico. (Degli altri corpi e piani sottili daremo un accenno più avanti.)

L’unità integrata formata dai corpi eterico e fisico è fondamentalmente il veicolo più importante dell’uomo, poiché connette il mondo fisico con i mondi sottili.

Il corpo eterico Agisce come un ricevitore ed un un assimilatore di energie esterne e un trasmettitore di energie all’interno del corpo fisico tramite i chakra o centri di forza che sono i punti focali per ricevere le energie allo scopo di vitalizzare il corpo fisico e si trovano sulla superficie del corpo eterico e appaiono come vortici rotanti di materia sottile, ed le nadi che sono i canali di distribuzione dell’energia in tutto il corpo.

I chakra principali sono sette e le loro funzioni sono: Primo vitalizzare il corpo fisico. Secondo realizzare lo sviluppo della coscienza. Terzo: trasmettere energia spirituale all’individuo. Sono in relazione con il sistema endocrino e con l’influenza di quest’ultimo sulla salute dell’individuo

Ogni chakra, sebbene sia presente solo nella materia sottile, è collegato sul piano fisico ad una ghiandola endocrina proprio come le nadi le quali  vengono collegate al sistema nervoso.

Diamo una veloce occhiata a questo sistema:

Muladhara Chakra   o chakra di base, situato alla fine dell’osso sacro. Il suo collegamento primario sono le ghiandole surrenali e governa i reni e la colonna spinale. Una precisazione per la situazione attuale: in questa regione, vicino ai reni, si mtrovano due chakra minori. Questi lasciano entrare gran parte della paura che le persone sperimentano oggi.

Svadhisthana Chakra o chakra sacrale, si trova alla base della colonna lombare, il suo collegamento primario sono le gonadi e governa l’intero sistema riproduttivo

Manipura Chakra o chakra del plesso solare, si trova nella colonna vertebrale al di sotto del livello delle scapole, il suo collegamento primario è il pancreas e governa tutti gli organi dell’apparato digerente.

Anhata Chakra o chacra del cuore, si trova tra le scapole, il suo collegamento primario è il timo e governa polmoni, cuore, sistema circolatorio e respiratorio.

Vishuddha Chakra o chakra della gola, si trova nella parte posteriore del collo e il suo collegamento primario è la tiroide e governa gola, collo, bocca, orecchie, laringe, spalle.

Ajna Chakra o chakra del terzo occhio, si trova tra le sopracciglia e il suo collegamento primario è la ghiandola pituitaria o ipofisi e governa occhi, orecchie, naso, seno paranasale, cervelletto, sistema nervoso, sistema ormonale.

Sahasrara Chakra o chakra della corona, si trova nella parte superiore della testa e il suo collegamento primario è la ghiandola pineale e governa la parte superiore del cervello

Oltre ai sette chakra principali ne esistono molti altri in tutte le varie parti del corpo e fra questi quello più interessante è  il chakra della milza che è situalo nella parte mediana posteriore del costato inferiore di sinistra. Il ruolo del chakra della milza è fornire energia vitale o prana a tutti i chakra a tutti i livelli della personalità o del sé inferiore e da lì ai sistemi organici del corpo fisico. L’apparato recettivo del prana o energia vitale consiste principalmente di due centri di forza oltre al chakra della milza, il primo è situato appena sotto il diaframma, e il secondo si trova tra le scapole appena sopra il chakra del cuore: questi tre chakra formano il cosiddetto triangolo pranico, il ruolo del quale è quello di vitalizzare il corpo eterico e di conseguenza il corpo fisico.

A proposito di energia non dimenticate mai che l’energia segue il pensiero.

Gli altri sei piani superiori sono i seguenti:

Il piano astrale è il piano che governa le sensazioni, le emozioni e i desideri, è quel corpo attraverso il quale si sperimenta l’emozione. È qui che la coscienza forma i suoi desideri, che poi sperimenterà nel piano fisico.

Il piano mentale  è la sede del pensiero e del ragionamento della persona, è il desiderio di materializzare l’oggetto, è lo spazio dove accade tutto è il nostro Se superiore

Il piano intuitivo o Buddhico  rappresenta la luce dell’anima, quindi lo stato evolutivo che si è raggiunto, Dal Piano Buddhico provengono le intuizioni superiori. La qualità specifica del Mondo Buddhico è l’Amore-Saggezza, è il mondo dell’unione e non solo fra gli uomini

Il piano spirituale o Atmico è caratterizzato dalla volontà e dalla potenza ed è sede dell’energia dinamica dello Spirito che anima il Piano Divino e che ne promuove l’attuazione nei livelli inferiori, la si può descrivere come lo sviluppo perfetto della Scintilla Divina insita in ogni individuo

Il piano Monadico è la sede dello spirito. Lo spirito è la scintilla divina che noi siamo, l’intento del quale consiste nel discendere e materializzarsi poco a poco, per potere raccogliere gradualmente le esperienze necessarie per la propria evoluzione. Il piano Divino è l’insieme di tutti gli universi, di tutto quello che esiste, insomma quello che volgarmente chiamiamo Dio.    

+2
Ti è piaciuto questo articolo? 

CHI SONO

Roberto Kechler

Roberto Kechler è un ricercatore, si occupa, da appassionato della materia di Radioestesia e Radionica da decenni. Con l’aiuto della Fisica quantistica il suo percorso di strade inesplorate in tali materie lo hanno portato a produrre delle frequenze dinamizzate per attuare l’equilibrio dell’organismo (umano, animale e vegetale) agendo sui campi energetici informati degli stessi.

CATEGORIE

SE TI FA PIACERE CONTATTAMI

Vuoi essere aggiornato?

I CAMPI ENERGETICI INFORMATI

I CAMPI ENERGETICI INFORMATI

I CAMPI ENERGERTICI INFORMATI

Ti fermi un attimo, chiudi gli occhi, vuota la tua mente e aspetta il primo pensiero che arriva: constaterai che il rumore e la confusione dei pensieri è sparita. Pensa a te stesso, vai in profondità, vai a cercare una cellula del tuo corpo, vai a cercare un atomo della cellula, entraci dentro. Noterai che sei nel nulla: sei nel campo energetico informato dell’atomo della cellula!. Non puoi vedere il campo, come non puoi vedere l’elettricità o il campo gravitazionele della terra, però puoi vederne i risultati: il tuo corpo è tutto l’universo!

Da piccolo qualcuno ti avrà fatto vedere come la limatura di ferro su un foglio, se metti sotto una calamita, si dispone in forme particolari, così puoi vedere il campo magnetico di una calamita, che poi lo puoi trovare come campo magnetico o geomagnetico  della terra, ed anche in tutti i campi.

Questi campi energetici informati che non sono altro  che energie sottili intelligenti sono costituiti da quello che potremmo chiamare l’informazione o l’intelligenza  che crea il modello o la matrice energetica per organizzare la materia fisica nel nostro campo 3D.

Tutto quello che esiste nell’universo che vediamo è permeato da questi campi: sia gli esseri viventi, che i vegatali, e i minerali, di fatto i campi energetici informati contengono le informazioni che sono il piano (disegni e calcoli) per come l’Energia dovrà organizzare e strutturare la materia. Come l’Architetto che prepara tutti i disegni e calcoli precisi ed approfonditi per una realizzazione grandiosa ed usa metaforicamente quello che noi chiamiamo carta carbone e gli americani blue print per trasportare queste informazioni sulla carta, così sono i campi energetici che sono campi informazionali i quali strutturano poi l’energia in forme o modelli. Questi campi poi si relazionano agli oggetti o alle energie all’interno di questi, infatti sono utilizzati dall’Universo come sistema di comunicazione per ricevere e trasmettere segnali energetici, che vengono convertiti in comportamenti, pensieri, emozioni e altre informazioni così per la formazione della vita e pure nel potere di guarigione insito nel corpo fisico.

Forme di pensiero, abitudini, desideri, valori, qualità emozionali sono tutti modelli di campi energetici con frequenze diverse.

Tornando all’essere vivente possiamo dire che ogni cellula, ogni organo, è permeato da un suo particolare campo energetico informato che contiene tutte le informazioni necessarie per il suo funzionamento e riproduzione.

All’inizio della vita tutto è in equilibrio pronto per funzionare in maniera perfetta, poi le vicissitudini della vita, traumi, incidenti, educazione, scuole, religione ecc., portano squilibrio negli organi e sistemi, squilibri che  vengono riportati nei campi energetici informati modificando le loro informazioni. La matrice del campo cerca di correggere le informazione errate (vedi la ricrescita della coda della lucertola quando il tuo gatto gliela mangia, e altre situazioni analoghe), ma a volte le situazioni contingenti, compresi blocchi energetici e traumi impediscono queste correzioni e da qui prima il disequilibrio, poi il malessere e la malattia.

La materia è semplicemente un modello organizzato di frequenze (campi energetici informati).

Sia la radioestesia che, maggiormente la radionica possono misurare e copiare i campi energetici informati e possono, in casi particolari, correggerne le informazioni: possiamo ad esempio considerare l’effetto diapason, o ancora meglio la omeopatia: quando si prendono medicinali omeopatici si immette nel corpo la giusta frequenza per il ristabilimento dei parametri di perfetto equilibrio per l’organo interessato, che per effetto di simpatia (effetto diapason) tende a riportare l’organo in equilibrio. A questo punto entra in gioco il campo dell’organismo, non più bloccato dagli squilibri, che ricostituisce la salute.

In maniera semplificata possiamo dire che usando la radiestesia e la radionica possiamo trovare la frequenza che è stata modificata dal trauma e inviare all’organo la giusta frequenza per riportarlo in equilibrio. C’è da dire che la giusta frequenza inviata potrà funzionare egregiamente solo se viene eliminato il trauma, anzi la memoria del trauma che ha creato il disequilibrio, e questo con la radioestesia può essere attuato senza problemi. A questo punto subentra la naturale energia di guarigione del corpo stesso che dovrebbe riaggiustare le cose, sempre che l’equilibrio raggiunto possa rimanere.

Con le frequenze dinamizzate, invece, si va a lavorare direttamente sui campi energetici informati, in campo eterico e vi sono frequenze apposite per eliminare i blocchi energetici e quelle per ristabilire l’equilibrio del campo, che indubbiamente sarà riportato all’organo nei tempi previsti che, si aggirano circa in una lunazione.

Se torniamo ancora indietro possiamo dire che qualsiasi modifica del campo energetico informato è dovuta quasi esclusivamente ad un trauma, o alla memoria di un trauma, che è o sarà stato attivato da una emozione, sia conscia od inconscia, personale od anche dovuta ad altre persone, questo è il caso del feto che memorizza una emozione della madre, e probabilmente anche del padre o di chi può avere una forte influenza sulla madre stessa.

+2
Ti è piaciuto questo articolo? 

CHI SONO

Roberto Kechler

Roberto Kechler è un ricercatore, si occupa, da appassionato della materia di Radioestesia e Radionica da decenni. Con l’aiuto della Fisica quantistica il suo percorso di strade inesplorate in tali materie lo hanno portato a produrre delle frequenze dinamizzate per attuare l’equilibrio dell’organismo (umano, animale e vegetale) agendo sui campi energetici informati degli stessi.

CATEGORIE

SE TI FA PIACERE CONTATTAMI

Vuoi essere aggiornato?

LA FORZA PENSIERO

LA FORZA PENSIERO

LA FORZA PENSIERO

Mi siedo alla mia scrivania e mi preparo mentalmente a scrivere un articolo da pubblicare sul blog. Mentre la mia mente vaga  in cerca di informazioni che mi potrebbero essere utili per la stesura, e soprattutto di un argomento che possa essere di interesse, un diavoletto, sempre quello che si intrufola nei miei pensieri per suggerirmi qualcosa, mi pone una domanda: tu stai pensando, i pensieri possono creare la tua realtà e possono interagire con tutte le forme di materia; in effetti puoi considerare il tuo pensiero come energia in movimento dalla quale si generano azioni che vanno ad influire poi sulla tua vita futura.

Questo intervento, se così possiamo chiamarlo, focalizza la mia attenzione sull’argomento pensiero e idea e maggiormente ancora più interessante sulla forza pensiero, in quanto può essere sviluppata.

Dobbiamo ricordare la differenza tra idea e pensiero: l’idea scaturisce dalla mente e costituisce il presupposto della conoscenza, mentre il pensiero scaturisce dall’Io superiore, ed è una sua proprietà; l’idea è legata alla forma, mentre il pensiero è libero e risiede fuori dallo spazio-tempo, almeno questo è quello che penso io, rispettando assolutamente tutte le opinioni altrui.

C’è chi ha detto : Il pensiero è potente, è una forza, è la fonte dalla quale scaturiranno le nostre azioni e il nostro destino!, verissimo, il pensiero  in se stesso essendo una proprietà dell’Io superiore fa parte delle forze cosmiche che noi usiamo e possiamo usare attraverso i filtri dell’anima e della mente. Questo vuol dire che noi usiamo solo una parte di questa energia o forza cosmica, e abbiamo la possibilità di aumentarla, per il bene supremo nostro e di tutti.

Siamo tutti d’accordo che non possiamo utilizzarla attraverso dei dispositivi moderni, ma possiamo aumentare la sua forza utilizzando quel magnifico organo che ci è stato regalato e che è il cervello. Se noi assotigliamo i filtri che ci siamo creati nel nostro cervello (dovuti all’educazione, alla scuola, alla religione ed alla vita vissuta), faremo passare più facilmente il pensiero che proviene dal nostro Io superiore e di conseguenza la forza pensiero si rafforzerà man mano che i filtri diminuiranno o cadranno. Appunto per questo occorrerà una salute ottima e un cervello in perfetta forma, per cui una forte attenzione alla propria sapute sia fisica che mentale.

Nell’uomo l’intelligenza, l’intuizione, la sensibilità, l’intelletto, la memoria e la spiritualità sono la forza organizzatrice che si manifesta sui differenti piani; è così anche per la forza pensiero che, come dicono gli antichi, dona al magnetismo umano  la sue caratteristiche.

Nel regno vegetale ed animale è chiamato l’intelligenza della specie, nel mondo minerale potremmo dire che si qualifica come le proprietà.

Il pensiero, come la vita sembra esistere a diversi ritmi, molto lenti per i minerali, rapidi per gli umani e super rapidi per gli esseri dei campi spirituali; noi che viviamo nella terza dimensione possiamo percepire solo le nostre onde cerebrali, mentre le tecniche speciali come la radiestesia ci permette di sondare la vita e i pensieri e anche altri campi ai differenti livelli e riconoscere la loro presenza dappertutto senza problemi di tempo e spazio.

La forza pensiero, come energia cosmica, è universale ma quando arriva ad un essere umano attraversi l’io superiore diventa una energia personale e si differenzia da tutte le altre, poi attraverso la mente ed il cervello prende dei connotati personali specifici per ogni persona.

La forza pensiero può essere sviluppata ed accresciuta: ci sono svariati metodi e potete trovare, anche in internet, corsi a pagamento e non che aiutano a sviluppare la forza pensiero come altre facoltà latenti nella nostra persona, ma vi è un sistema che noi usiamo quotidianamente in maniera non conscia e che è usata in varia maniera da chi fa un percorso spirituale o di crescita personale, ed è la costanza e la dedizione.

L’esperienza ci dice che la forza pensiero si sviluppa quando si cerca con tutte le forze e l’intento di arrivare ad uno scopo, ed impegnandosi fortemente a studiare il problema da tutti i suoi lati possibili e declina con le malattie del corpo e con la lassitudine. Pertanto potete sviluppare abbondantemente la vostra forza pensiero coltivando in maniera approfondita la vostra attività preferita o anche il vostro hobby, ma alle seguenti condizioni:

oltre a praticare questa attività dovete approfondire al massimo tutti gli aspetti di questa in maniera approfondita, fare ricerche, imparare tutto quello che è possibile su questa attività, non smettere mai di approfondire senza mai dichiararvi soddisfatti, e questo per lungo tempo, anche allargando gli interessi. Occorre anche che abbiate una certa padronabza delle vostre emozioni ed istinti in vista di un vostro sviluppo fisico e psichico armonioso, occorre dunque puntare ad un giusto equilibrio per la padronanza delle attività sentimentali ed istintive. Sarebbe bene unire lo studio con la pratica per cui sviluppare un proprio interesse sia studiandolo che praticandolo al massimo, senza lasciarvi distrarre da altri che possano interessarvi, condiderate che un passatempo o hobby è tutta un’altra cosa e non serve allo sviluppo.

Il collegare lo studio alla pratica serve per approfondire la materia riflettendoci sopra, facendo delle scoperte, apportando delle vostre cosiderazioni, cercando nuove idee e combinazioni, insomma nutrirsi e digerire la materiia stessa del vostro interesse. Sembra un grande sforzo ma se la materia vi interessa non ve renderete conto.

Un altro sistema interessante è quello della realizzazione di un progetto: è come se voi deveste presentare un progetto definitivo a qualcuno o ad un’azienda: costruirete con la vostra mente e nei campi eterici una vera identità che accumulerà tutta l’energia e la forza che metterete nello studio e sviluppo del progetto e che si arrichirà di tutto il lavoro e degli sforzi che farete ed anche delle correnti di forza simili. Tenete conto che questa energia si accumulerà senza perdite.

In radiestesia potremmo usare le domande: è molto semplice, si tratta di chiedere quello che volete ottenere come se fosse una cosa dovuta, senza necessità di precisare la maniera ed il modo precisando che lo desiderate senza inconvenienti. La cosa migliore sarebbe scrivere la domanda su un foglietto di carta da dinamizzare col decagono e poi leggendola qualche volta la sera prima di addormentarsi, fino all’ottenimento del risultato.

Per avere dei risultati con questa tecnica occorre che la richiesta sia ragionevole e non interferisca o nuocia agli interessi di altri.

 

0
Ti è piaciuto questo articolo? 

 

 

CHI SONO

Roberto Kechler

Roberto Kechler è un ricercatore, si occupa, da appassionato della materia di Radioestesia e Radionica da decenni. Con l’aiuto della Fisica quantistica il suo percorso di strade inesplorate in tali materie lo hanno portato a produrre delle frequenze dinamizzate per attuare l’equilibrio dell’organismo (umano, animale e vegetale) agendo sui campi energetici informati degli stessi.

CATEGORIE

SE TI FA PIACERE CONTATTAMI

Vuoi essere aggiornato?

COME ACCRESCERE LA SENSIBILITA’ RADIESTESICA

COME ACCRESCERE LA SENSIBILITA’ RADIESTESICA

COME ACCRESCERE LA SENSIBILITA’ RADIOESTESICA

Eiii..! così stai cercando di fare un blog per la radioestesia?, e non pensi anche a coloro che vogliono imparare e devono partire dalle basi?, perché non cominci a descrivere come si misura la sensibilità in questo campo così interessante?, behh allora svegliati che è mattina presto, buttati giù dal letto senza disturbare tua moglie e vai a preparare un articolo, schnell!.

Seguo le istruzioni e mi metto davanti al computer. La mia mente vaga ai primordi della mia esperienza nel campo radiestesico e mi ricordo la prima volta che mia cugina Roberta, più grande di me, mi insegnò a misurare la sensibilità: se allunghi il braccio dominate e lo tieni orizzontale e poi sospendi il pendolo all’incirca verso l’incavo del gomito, il cavo cubitale, se si muove lungitudinalmente lungo il braccio ti indica la sensibilità latente: più è ampia l’oscillazione e più è grande la semsibilità latente. Cioé hai una sensibilità alla radiestesia ma devi svilupparla.

I radioestesisti nell’arco del tempo hanno cercato di spiegare la sensibilità radioestesica con numerose teorie, chi con malformazione della colonna vertebrale, chi con lo spostamento delle vertebre, chi cerca di spiegarlo con la polarità inversa delle mani , chi pensa sia collegata ai chakra o al campo energetico umano, chi infine all’angolo personale o alla posizione dei gomiti.

Tutte queste teorie non spiegano la causa che secondo i radioestesisti sel secolo passato è questa:

La sensibilità essendo un fenomeno specifico della vita e legata intimamente ad essa, si manifesta in tutti gli esseri organizzati con reazioni a influenze sia vicine  che lontane, che nell’uomo si confonde con il senso del tatto, e per questo la radiestesia può essere assimilata ad un toccare a distanza.

Io penso che in radioestesia possano essere coinvolti i campi energetici sia  percettivi che emissivi: vitale, mentale ed eterico e che possiamo avere due situazioni principali, una che si tratti di interferenze fra campi energetici tra il radiestesista e quello che viene cercato. Sappiamo che tutto è UNO e che esiste un inconscio personale, molto potente ma poco intelligente, che è collegato, o si può collegare, all’inconscio collettivo, per cui la seconda situazione è quella che si possono collegare gli inconsci delle persone, ed in maniera specifica il radioestesista, de visu o tramite un testimone biologico, può collegarsi ad un’altra persona tramite l’inconscio. E l’inconscio è quello che con piccoli movimenti dei muscoli della mano e del braccio fa muovere il pendolo o altri strumenti radioestesici che ci danno poi le risposte a quello che domandiamo e cerchiamo.

Ed è anche la mia convinzione che in una operazione radiestesica siano coinvolti tutti e tre i campi ma che attraverso il campo vitale si operi principalmente in campo fisico, attraverso il mentale si operi principalmente in campo mentale, e attraverso il campo eterico si operi nel campo della pura ispirazione e della guarigione a distanza.

È ovvio che non tutti abbiano questi campi sviluppati e pronti. Quando nasciamo siamo puri e come una lavagna vuota, poi crescendo l’educazione famigliare, l’educazione scolastica, l’educazione religiosa e le vicissitudini della vita ci plasmano come siamo ora e per ciascuno le lenti degli occhiali hanno colori diversi e soprattutto il vissuto normalmente non ha sviluppato questi campi, anzi in moltissimi casi sono stati mortificati.

Ora i fratelli belgi Sevranx, circa 100 anni fa, hanno ideato un grafico che ci permette di valutare i vari campi o corpi energetici, e soprattutto quelli coinvolti nalla radiestesia.

In fondo all’articolo potete scaricare il grafico (plancia corpi umani) ed ora le spiegazioni:

Corpi percettivi: Buddico, Mentale, Vitale, per cui B, M, V (triangolo bianco)

Corpi emissivi: Causale, Astrale, Eterico, per cui C, A, E (triangolo nero)

Mettendo un testimone al centro (fisico), per interrogazione mentale potete valutare il risveglio dei vari corpi invisibili dell’essere umano e di conseguenza  testare una persona. o voi stessi, dal punto di vista delle capacità radiestesiche: corpo vitale eguale radioestesia fisica, corpo mentale eguale a radioestesia mentale e corpo buddico o eterico eguale a radiestesia di pura ispirazione e guarigione a distanza.

Questo grafico serve anche per indurre uno sviluppo delle facoltà radiestesiche ma usato in concomitanza con esercizi di pratica. Se viene usato semplicemente non funziona ma se viene usato mentre ci si esercita con l’intenzione di esercitarsi, allora aumenta la facilità e la sensibilità radioestesica.

C’è da dire che la pratica di radioestesia, qualsiasi metodo voi usiate, per il solo fatto di allenarvi, sviluppa sempre più la sensibilità, per la qual cosa è importantissimo l’allenamento continuo: approfittate di qualsiasi situazione per usare il pendolo e i grafici. L’esercizio sviluppa l’organo!!

Secondo i fratelli Sevranx l’utilizzo di questo grafico mentre ci si esercita, e secondo la durata dell’esercitazione, può aumentare la sensibilità radioestesica dal 20% al 30%, ma sempre a condizione che ci si stia allenando con gli esercizi.

Per aumentare la sensibilità radiestesica si raccomanda di fare esercizi sistematici regolarmente e quotidianamente trovando uno spazio nella giornata possibilmente sempre alla stessa ora e mettendo il proprio testimone al centro del grafico durante tutta la seduta. Faccio notare che lo stato di salute, di stress e di stanchezza influiscono in maniera significativa sulla sensibilità e la precisione.

Attenzione che gioielli, collane, bracciali ed anche certi colori del vestiario possono modificare la sensibilità in quanto possono influenzare la vitalità di chi li indossa e questo li potete controllare radioestesicamente.

Buon lavoro.

PLANCIA CAMPI UMANI
+2
Ti è piaciuto questo articolo?

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Privacy Policy Cookie Policy